Premio Vera – Il bando

È online il bando per la quinta edizione del premio giornalistico dedicato a Vera Schiavazzi, scomparsa improvvisamente il 22 ottobre 2015.

Gli elaborati dovranno essere presentati entro il 30 giugno 2021. 27 luglio 2021

L’argomento di quest’anno è «IL LAVORO CHE VERRÀ. Che cosa succederà al mondo del lavoro una volta superata questa fase di pandemia? Questi mesi di emergenza sanitaria hanno mandato in crisi le filiere economiche del terziario (dalla ristorazione al turismo, dal fitness a diversi settori commerciali) il tutto in un contesto già indebolito dal ricorso costante a forme di lavoro che negli anni hanno eroso, diritti, tutele, prospettive. Un nodo particolarmente gravoso riguarda la condizione del lavoro femminile, già caratterizzato da disparità di trattamento e di retribuzione, che la pandemia ha reso ancora peggiore. Un panorama difficile nel quale, sempre più spesso, fioriscono filiere di lavori creativi, multilevel, inquadramenti professionali ambigui che nascondono sfruttamento. Tanti settori dovranno innovarsi per resistere. Alcuni cambiamenti già si stanno intravedendo, con la crescita dello smart working, altri sicuramente verranno con gli investimenti previsti dal Recovery Plan che puntano a trasformare il nostro paese, dalle infrastrutture alla sanità, dall’economia verde e circolare al sistema formativo. La/il candidata/o attraverso il riferimento a notizie, dati, storie, dovrà raccontare l’evoluzione del lavoro, le sue nuove forme, la sua crisi, anche a dispetto della sua centralità nella Costituzione italiana».

 

Alla quinta edizione potranno partecipare le studentesse e gli studenti e le/gli ex allieve/i sotto i 35 anni delle Scuole e dei Master in Giornalismo riconosciuti dall’Ordine Nazionale.

 

Per informazioni:

Marco Bobbio – 340 1271242, mbobbio@gmail.com

Carla Piro Mander –349 4162902, carlapiromander@libero.it

exstudentigiornalismotorino@gmail.com.